Associazione Moncenisio 4

La Casa Famiglia “Città Giardino e la Casa Famiglia “Montesacro” fondano il proprio intervento sulla convinzione che la famiglia è il luogo naturale nel quale la vita nasce e si sviluppa.

Chi siamoCosa facciamo

Chi siamo

La Casa Famiglia “Città Giardino e la Casa Famiglia “Montesacro” fondano il proprio intervento sulla convinzione che la famiglia è il luogo naturale nel quale la vita nasce e si sviluppa.

Vogliono essere espressione della Provvidenza e Paternità di Dio e segno di profonda umanità verso i minori che vivono situazioni di disagio familiare. Offrono piena accoglienza ad ogni minore nel rispetto delle origini, della cultura, della religione e della condizione sociale.

Quanti operano nelle case famiglia, consapevoli che il delicato compito dell’accoglienza di un minore esige una sinergia di risorse ed un costante confronto, realizzano un’integrazione tra laici e religiosi quale espressione di interesse comune ed impegno civile a favore dei minori accolti. Impegnano tutte le sue risorse per offrire cura e sostegno al minore nella prospettiva del suo rientro in famiglia di origine o del suo inserimento in una famiglia affidataria o adottiva.

Le case famiglia sono strutture di passaggio che attraverso l’accoglienza collaborano alla soluzione più adeguata ai problemi di ogni minore.

Per questo gli educatori si impegnano a stimolare la comunità civile ed i Servizi Pubblici perché l’accoglienza sia temporanea.

Nelle case famiglia si tende a realizzare un clima familiare, dove ogni bambino accolto possa sperimentare di essere compreso, tenuto ed amato. Gli operatori lavorano in unione di intenti, in una seria professionalità, condividono la vita dei minori ed esprimono verso di loro una profonda vicinanza. Il servizio nelle case famiglia e sempre animato dalla fiducia nelle potenzialità del minore ed e attento alla vita che deve ricostruirsi.

Cosa facciamo

L’Associazione Moncenisio 4 e quanti sono impegnati all’interno delle due strutture di accoglienza collaborano attivamente con i servizi sociali e il Tribunale per i Minorenni e curano i contatti dei bambini accolti con la famiglia d’origine. In tutto operano con la fiducia che sia possibile rimuovere le ragioni dell’allontanamento e favorire un percorso di sostegno e di rientro.

Qualora il minore abbia bisogno di un prolungato periodo di accompagnamento l’Associazione collabora con gli enti responsabili per favorire la possibilità di un affidamento familiare, affianca la famiglia affidataria nell’incontro con il minore e collabora con i Servizi Sociali nella verifica dell’affinità e della maturazione graduale del rapporto.

Sostiene poi l’eventuale coppia affidataria non solo negli incontri iniziali con il bambino ma, attraverso un gruppo di sostegno, anche nel proseguimento dell’esperienza di accoglienza e di cura. Nel caso in cui uno dei bambini accolti venga dichiarato dal Tribunale per i Minorenni in stato di adottabilità, gli operatori accompagnano il suo passaggio nella famiglia adottiva e ne sostengono il futuro percorso.

la famiglia è il luogo naturale nel quale la vita nasce e si sviluppa.

Nelle nostre case famiglia

Quanti sono coinvolti nell’attività delle case famiglia condividono la vita dei bambini e si impegnano a creare un ambiente ricco di affetto, di cure, di relazioni interpersonali.

Un clima sereno e positivo che permetta ad ogni bambino di sentirsi profondamente amato e nel quale sia possibile comprendere meglio i bisogni, le difficoltà e le capacità di ogni minore accolto.

Gli operatori, religiose e laici, e i volontari che operano nelle case famiglia possono contare sul sostegno di psicologi ed esperti, con i quali vengono programmati incontri periodici di formazione, di confronto e di verifica.

Come contattarci